NEWS MCALETV-PRESTO UN IPHONE ECONOMICO

Questa mattina vi abbiamo parlato del rapporto di Digitimes, che ha detto che Apple sta progettando di rilasciare un iPhone low-cost per i mercati emergenti entro la fine dell'anno. Ora Il Wall Street Journal è corroborante dicendo che "il dispositivo potrebbe arrivare al più presto entro la fine del 2013." Apple sta lavorando a un iPhone di fascia più bassa, secondo le fonti informate sulla questione, proponendo un grande cambiamento nella strategia. Apple ha studiato un dispositivo del genere per anni, e ad oggi il progetto sta procedendo a gonfie vele a talento che una versione meno costosa del dispositivo di punta potrebbe essere lanciato al più presto o addirittura entro la fine dell'anno. Avrá un body meno costoso , invece di un esterno metallico, e molto probabilmente verrá utilizzato un involucro di plastica in policarbonato per contenere i costi. Digitimes ha anche detto che questo iPhone più economico sarà caratterizzato da un display più grande e il design esterno diverso. 
Un prezzo ridotto potrebbe presumibilmente aiutare la crescita di Apple in aree come la Cina, dove gli iPhone di solito costano di più per i clienti. Negli Stati Uniti, Apple vende l'iPhone 4 a $ 0 con un contratto di due anni con un operatore a scelta. Il 4S è attualmente offerto per 100 dollari in meno rispetto al modello top-of-the-line , l'iPhone 5. Tale dispositivo economico è stato sul tavolo sin dal 2009, secondo alcuni rapporti. Con la nuova gestione, una catena di fornitura più forte, la pressione da parte dei concorrenti, e una crescita senza precedenti a livello internazionale, sembra che il 2013 potrebbe essere l'anno incui Apple decide di diversificare la sua gamma iPhone.
(via Cult of Mac)
 

 

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o leggere i nostri articoli viaRss

Vota la News: 
Average: 5 (1 voto)
Category: 

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook e Google+ o leggere i nostri articoli via RSS.